Forum

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo
Benvenuto, Ospite
Nome utente: Password: Ricordami

ARGOMENTO: Ancora perplessità sulla spesa per il personale

Ancora perplessità sulla spesa per il personale 06/07/2011 09:49 #1

Nella recente Circolare 6 dell’Istat il punto 7 è dedicato all’ “Utilizzo dei contributi censuari per spese di personale. Si chiarisce che le “spese per il personale impiegato dai Comuni nelle operazione (sic) censuarie possono non essere considerate ai fini del rispetto del vincolo di contenimento della spesa di personale (art. 1, comma 557, della legge n. 296/2006, come modificato dall’art. 14, comma 7 del d.l. n. 78/2010)”. La disposizione è importante perché libera dai vincoli della normativa citata le spese relative al personale reclutato appositamente per il censimento. Infatti tutte le disposizioni seguenti si riferiscono alla disciplina per la quale sono ritenuti ammissibili reclutamenti (leggi esterni) sia con forme contrattuali flessibili (tra cui tempo determinato e somministrazione di lavoro), sia con contratti Co.co.co, sia con prestazioni autonome occasionali.
Le perplessità, viceversa, derivano dalla mancata esplicita menzione di esclusione dai vincoli di contenimento della spesa di personale (e in particolare da quanto previsto dall’art.9 Legge 30 luglio 2010, n. 122) delle spese per il personale interno. Questa fattispecie può riguardare sia il servizio straordinario che si rendesse indispensabile per i dipendenti chiamati a prestare servizio presso l’ufficio comunale di censimento, sia la corresponsione di compensi ai coordinatori e rilevatori dipendenti comunali per le operazioni censuarie ai sensi dell’art. 14 comma 5 del CCNL del 1999 , sia (ipotesi ancora più indeterminata) per la corresponsione di eventuali compensi specifici per le attività censuarie destinate ai componenti e ai dirigenti degli uffici comunali di censimento, in analogia a quanto disposto nel 2001 con decreto del Presidente della Repubblica 22 maggio 2001, n. 276, art. 26 comma 3 .
Poiché sia le disposizioni del Piano Generale di Censimento, sia evidenti ragioni di economicità e di efficienza, consigliano di ricorrere per quanto possibile a risorse interne, e tenuto conto che comunque le spese in questione sono escluse dal patto di stabilità, appare quanto mai auspicabile e opportuna una qualche forma di chiarimento che consenta la piena operatività ai comuni.
Proviamo anche a fare un piccolo sondaggio (senza alcun valore statistico...) per vedere quali soluzioni possibili sono state adottate
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

14/08/2011 12:54 #2

vorrei sapere dagli esperti USCI cosa ne pènsano di questo...
www.ptpl.altervista.org/dottrina_contrib...er_il_censimento.pdf

io mica sn tanto d'accordo...
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

18/08/2011 10:48 #3

giogio123 ha scritto:

io mica sn tanto d'accordo...

In effetti...
Specialmente non pare accurata la lettura dell'art.14 del contratto. Si parla non solo dell'Istat ma anche di altri enti (e quindi anche il comune e il suo ufficio comunale di statistica) autorizzati per legge o provvedimento amministrativo (quindi uno qualsiasi dei tipici atti comunali, delibere, determinazioni, etc.), di attività di settore (quindi anche i censimenti). Ovviamente si tratta di specifici compensi (quindi anche "a cottimo") per prestazioni svolte al di fuori dell'orario di lavoro, senza compenso per lavoro straordinario (e anche senza recupero).
Per il resto, la disamina è comunque utile.
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

compensi per revisioni anagrafiche? 29/08/2011 11:12 #4

  • sassari
  • Avatar di sassari
  • Offline
  • Fresh Boarder
  • Karma: 0
mi sorge un dubbio: le attività di revisione anagrafica che saranno svolte una volta concluse le operazioni di censimento dall’Ufficio Anagrafe, sulla base degli elenchi ricevuti, sono finanziate da Istat?
se sì:
con i contributi già previsti (ex circolare 3)?
con altri contributi appositi?
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

Re: compensi per revisioni anagrafiche? 29/08/2011 11:56 #5

sassari ha scritto:
mi sorge un dubbio: le attività di revisione anagrafica che saranno svolte una volta concluse le operazioni di censimento dall’Ufficio Anagrafe, sulla base degli elenchi ricevuti, sono finanziate da Istat?
se sì:
con i contributi già previsti (ex circolare 3)?
con altri contributi appositi?

Penso di no, invece. Ma posso sbagliarmi
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

Cronoprogramma


Disponibile per il download il Cronoprogramma indagini 2021 (agg. 3/2/2021)

Partners

SISTAN - Sistema Statistico Nazionale

ANCI - Associazione Nazionale dei Comuni Italiani

ISTAT - Istituto Nazionale di Statistica

SIS - Società Italiana di Statistica

ANUSCA - Associazione Nazionale Ufficiali di Stato Civile e d'Anagrafe

DEA - Demografici Associati